Guida alle Tecniche Fotografiche

Viaggio Fotografico tra Natura e Cultura Abruzzese

L'Abruzzo Attraverso L'Obbiettivo di un Fotografo

L’Abruzzo da sempre ispira con le sue bellezze naturali e culturali una moltitudine di artisti di ogni genere. Poeti, scrittori e viaggiatori del calibro di Gabriele D’Annunzio ed Hernest Hemingway sono tra i suoi più rinomati estimatori. Il motivo che spinge personalità di questo calibro in Abruzzo è la ricerca dei suoi tesori nascosti: panorami che si estendono a perdita d’occhio, tradizioni con radici profonde e la sua stessa gente, rude e vera come questa terra. Le stesse motivazioni sopracitate non potevano non incantare un altro artista di fama internazionale : Henri Cartier-Bresson. Proprio il fotografo francese, conosciuto come uno dei padri fondatori della fotografia di strada e del fotogiornalismo, fu uno dei maggiori estimatori della Regione Abruzzo. Infatti portò gli attimi più suggestivi immortalati durante la sua permanenza in terra abruzzese alla ribalta del mondo artistico e giornalistico internazionale, facendogli di fatto aprire gli occhi su un territoridinamo rimasto sconosciuto. Oggi grazie anche a questo pioniere della fotografia l’Abruzzo è rinomato in tutto il mondo per gli spunti che offre ad appassionati e professionisti di ogni tipo di fotografia.

In Galleria Fotografica: Alcuni degli scatti d’autore più suggestivi di ©Henri Cartier-Bresson. 1951 – Scanno

Landscape Photography - L'Arte di Cogliere l'Insieme

Un pò la tecnica regina della fotografia naturalistica, è caratterizzata prevalentemente dall’uso del treppiede,  filtri ND (a densità neutra) e lunghe esposizioni. Attenta pianificazione e grande pazienza  sono requisiti fondamentali per riuscire a immortalare i paesaggi mozzafiato che questa regione sa regalare. Ovviamente a tutto questo vanno uniti altri due aspetti imprescindibili, la fortuna dal punto di vista del meteo e delle condizioni giuste e ovviamente l’amore per l’outdoor!
Per il resto non rimane che consumare gli otturatori delle vostre reflex a suon di scatti nelle location che più si prestano.
Tra le più famose senza dubbio troviamo il castello di Rocca di Calascio, fotografato ormai da ogni angolazione e in ogni modo ma che riserva sempre gradite sorprese. Uno scatto della verdeggiante Costa dei Trabocchi con le sue affascinanti costruzioni di legno a picco sul mare e le lunghe scogliere non può assolutamente mancare nel vostro portfolio.
Spot davvero suggestivo è sicuramente anche il Lago di Campotosto, soprattutto con i suoi scorci durante il periodo invernale dove il ghiaccio ed i riflessi sull’acqua possono regalare foto davvero straordinarie. Questi sono solo alcuni suggerimenti tra migliaia di posti incredibili come altissime cascate, foreste incontaminate e paesi arroccati sulle più improbabili alture. Non vi resta che scoprire gli angoli piu sconosciuti e spettacolari d’Abruzzo per arricchire sia il vostro portfolio fotografico che il vostro animo di momenti indimenticabili.

In Foto: L’autunno alle pendici del Monte Sirente: tra i coloratissimi faggi secolari, le inaccessibili balze calcaree del versante Nord e le verdi valli del Parco Regionale Sirente-Velino.

Street Photography e Fotografia di Ritratto

Un pò il paradosso della Street Photography è che una tecnica tra le più in voga negli ultimi tempi si sia sviluppata anche nelle stradine di un borgo storico come quello di Scanno ad opera del maestro parigino H. Cartier-Bresson. Questo stile di fotografia consiste nell’abbandono delle ferree regole tradizionali per premiare la cattura di un momento significativo e vero della vita umana.
I soggetti principali sono proprio le persone e quello che fanno nella loro vita o quello che rappresentano per la società moderna. Diciamo quindi che il più delle volte questa tecnica mira a raccontare una storia o un evento che si nasconde dietro lo scatto.

In Foto: Un dettaglio della lavorazione artigianale di gioielli in argento, secondo tecniche antichissime tramandate fin dal medioevo nelle botteghe di Rocca Calascio.

E’ proprio questo aspetto che la rende assimilabile al fotogiornalismo ed alla ritrattistica. La vita fuori dagli schemi e le personalità che si respirano negli antichi borghi d’Abruzzo ne fanno un terreno ideale su cui muoversi alla ricerca dello scatto “Street” perfetto.
Cortei rievocativi di antichi rituali, le mani esperte di maestri artigiani nelle botteghe e profonde rughe nell’espressione degli ultimi veri pastori sono gli elementi che spingono gli amanti di questo genere in terra abruzzese. Questi ed altri spunti si possono trovare nei Borghi dove piu si conserva lo stile di vita di un tempo come il già citato paese di Scanno con i caratteristici costumi tradizionali delle donne scannesi, le botteghe e gli artigiani di Castel del Monte e Pescocostanzo ed infine i numerosi borghi disseminati lungo l’antica via della grande Transumanza.

In Foto: Scorcio di Rocca Calascio, il sorgere della Luna con la Rocca.

Wildlife Photography o Caccia Fotografica

Sempre piu diffusa, questa tecnica ha il merito di avvicinare molte persone al mondo naturale, alla ricerca del fascino ancestrale dei predatori e dei grandi erbivori selvatici. La ricerca di uno scatto ravvicinato e l’emozione nel vedere l’animale a lungo atteso ne fanno uno strumento a doppio taglio. Infatti senza le dovute attenzioni questa passione può arrecare notevoli disturbi agli animali selvatici sopratutto in periodi sensibili come l’inverno o la stagione degli amori.
La wildlife photography è fatta di lunghissimi appostamenti, abbigliamento mimetico e teleobiettivi dalle dimensioni ragguardevoli che ci permettono di scattare ritratti alla fauna piu elusiva. Tra gli eventi piu imperdibili del regno animale non possiamo perdere il bramito del cervo in autunno, durante il quale questi animali combattono per conquistare le femmine, ed il periodo degli amori del camoscio, durante il quale i maschi si lanciano in vertiginosi inseguimenti ai limiti della fisica sui pendii e le rocce piu ripidi. Certamente la ricerca di orso bruno marsicano e lupo appeninico non possono dirsi secondari, regno di tutti questi animali sono il Parco Nazionale d’Abruzzo ed il Parco Nazionale della Majella.

Fotografia Paesaggi Abruzzo Natura Cultura Wildlife (2)

In Foto: In Attesa del risveglio della natura selvaggia nelle valli del Parco Nazionale d’Abruzzo.

Altri animali davvero fantastici sono i grandi rapaci che in gran numero ormai volteggiano sulle vallate del Parco Regionale Sirente-Velino come l’Aquila Reale ed il Grifone.
Infine per gli amanti del birdwatching e dell’avifauna in generale non possiamo tralasciare i numerosi siti di migrazione e svernamento come il lago di Campotosto, il lago di Penne, il fiume Tirino, le sorgenti del fiume Pescara e il Parco delle Acquevive dove possiamo trovare specie molto affascinanti e rare come il falco di palude, il martin pescatore e l’airone bianco!

In Foto: Volpe che cerca riparo dalla nevicata sotto alcuni cespugli imbiancati nei pressi di Opi.

Macro Photography - Fotografando il Micro Mondo Intorno a Noi

La macro è una branca molto particolare della fotografia, dettata molto di piu dall attenzione per i dettagli e le particolarità del micromondo naturale. I soggetti piu diffusi sono certamente i fiori e gli insetti. Mentre i fiori sono riconosciuti da tutti come interessanti, per gli insetti non vale sempre lo stesso. La sfida della macrofotagrafia è proprio rendere visibile a tutti la straordinarietà di alcuni elementi poco visibili ad un occhio non attento e reso cieco dai pregiudizi.
In tutto il territorio abruzzese possiamo trovare elementi piu che adatti agli appassionati di questo genere ma tra tutti scegliamo alcune particolarità che si trovano solo in Abruzzo. Per primo citiamo il coleottero Rosalia Alpina, tanto affascinante quanto raro vive nelle faggete vetuste del Parco Nazionale d’Abruzzo. Impossibile non includere la meravigliosa farfalla Parnassius Apollo che vola sui versanti rocciosi del GranSasso fino a quote ragguardevoli.
A rappresentanza della flora tra le stupende orchidee spontanee troviamo la rara Scarpetta di Venere, mentre tra le fioriture di alta quota vi sono la Genziana appenninica da cui si ricava l’omonimo liquore caratteristico e l’iconica Stella alpina dell’Appennino.

In Foto: I dettagli geometrici degli splendidi fiori di mandorlo, uno spettacolo che spesso passa inosservato.

Fotografia Sportiva: Cogliere l'Attimo Sfuggente

Qui c’è davvero da sbizzarirsi per l’ampio ventaglio di opportunità che l’Abruzzo ha da offrire in tema di sport ed outdoor.
In quanto ad attrezzatura siamo molto vicina a quella necessaria per la wildlife photography ma in aggiunta c’è la chance di utilizzare molti piu accessori come trigger flash e obiettivi a focale corta perché al contrario dell’attività imprevedibile della fauna quella sportiva è molto piu prevedibile e la scena può essere pre impostata con gli atleti.
Su tutto il territorio abruzzese è possibile davvero sbizzarrirsi con gli eventi e gli sport piu estremi ed adrenalici come il downhill a Campo Felice, il bunjee jumping sul ponte di Salle, il rafting sul fiume Aventino e ancora una svariata moltitudine di attività come parapendio, paracadutisimo, freeride, skyrunning e arrampicata su tutte le piu alte vette dei massicci di GranSasso, Majella e Velino-Sirente.

In Foto: Arrampicata sportiva e sci sono solamente alcune delle attività praticabili in sicurezza e risultano particolarmente spettacolari inserite in contesti unici come il Grans Sasso d’Italia!

Astrofotografia - La Via Lattea

L’astrofotografia consiste nel catturare i fenomeni astrali più interessanti e visibili ai nostri occhi o macchinari. Può essere svolta a diversi livelli, partendo da quello base, con una semplice reflex e un cavalletto impostando lunghi tempi di esposizione che ci consentono di catturare la poca luce disponibile. A livello piu avanzato con strumenti come inseguitori e telescopi, a cui collegare la macchina fotografica per catturare eventi molto piu complessi e poco visibili ad un occhio inesperto.
Eclissi, congiunzioni astrali e piogge di meteore sono tra gli eventi piu strabilianti del mondo naturale e grazie a piccoli accorgimenti è possibile immortalarli.
Tra le tecniche piu accattivanti troviamo  quella dello “Star Trail” che è volta a catturare il movimento rotatorio della volta celeste (in realtà è la terra che ruota su se stessa ed intorno al sole).
Il soggetto preferito in assoluto è la Via Lattea ripresa ormai in tutte le condizioni e orientamenti a fare da sfondo ai piu bei paesaggi. Il requisito fondamentale per la fotografia notturna è senza dubbio il bel tempo ed in secondo luogo un cielo definito “nero”, cioè privo dell’inquinamento luminoso proveniente da vicine attività antropiche che comprometterebbe la vostra sessione fotografica.
Ideali proprio per questo motivo sono i grandi altipiani come quelli di Campo Imperatore, Campo Felice e quello dei Piani di Pezza che garantiscono un eccellente isolamento dai vicini centri abitati.

In Foto: Durante l’ascesa ai “Balconi” di Monte Camicia si possono aprire scorci notturni da mozzare il fiato..

Sulle Ali della Tecnologia: Fotografia da Droni

Ultimo aspetto della fotografia moderna  sono i droni.
Questo tipo di fotografia di ultima generazione sfrutta il diverso punto di vista che questi piccoli e polivalenti quadricotteri possono offrirci, non quella tradizionale da terra e neanche quella aerea, troppo lontana e dispersiva. I vantaggi della fotografia da drone sono molteplici: punti di vista alternativi ed innovativi ma anche fotografia piu dinamica in grado di raggiungere luoghi inaccessibili altrimenti. La possibilità di includere nella vostra inquadratura elementi che senza drone sarebbero impossibili da mettere sullo stesso piano rende alcuni soggetti, ad esempio le numerose strade montuose abruzzesi come Passo Lanciano, la strada per i Prati di Tivo e quella che collega Santo Stefano di Sessanio al lago Racollo di Campo Imperatore, luoghi davvero appetibili per catturare la tortuositá dell’asfalto che si sviluppa su un pattern di verdi foreste o altipiano sconfinati.
Altri soggetti molto difficili da catturare nella loro interezza sono i numerosi laghi come quello di Campotosto, il lago del Salto ed il lago di Bomba. Normalmente impossibili ma raggiungibili grazie ai droni sono le profonde gole tra cui quelle di Celano, di S. Venanzio,di Fara S.Martino e le straordinarie gole del Saggittario. Per non parlare delle inaccessibili pareti montuose e dei bianchi pendi innevati di tutto l’appennino. Inoltre la fotografia da drone si applica a tutte le tecniche sopracitate e può regalare un ampio ventaglio di creatività per trasmettere le emozioni che solo l’Abruzzo sa regalare.

In Foto: Durante l’ascesa ai “Balconi” di Monte Camicia si possono aprire scorci notturni da mozzare il fiato..

Che altro dire, ora non vi resta che mettervi in macchina, preparare l’attrezzatura e partire per gli angoli più remoti e selvaggi d’Abruzzo!

rofile-mauro

Affascinato dalla natura fin da piccolo non si è mai voluto porre limiti di nessun tipo. Nel suo curriculum escursionistico ci sono tutte le piu importanti cime d’Abruzzo, Valle d’Aosta e svariate altre nei suoi lunghi viaggi per il mondo, questa propensione fanno di Mauro la “Guida”, recensore e fotografo di montagna di Discover Abruzzo.

Translate This Page

  • Cerca nel Blog

  • Categorie


  • #Tags



I Più Cercati della Settimana

Nessuna ricerca è stata ancora effettuata