Dolci: Pan dell’Orso

Nati durante la transumanza secoli fa come cibo dei pastori oggi sono diventati uno street food richiestissimo.

GOLOSITA' IN TERRA ABRUZZESE

Benvenuto Dicembre. Benvenuto con la tua aria pungente, con le tue mattine ghiacciate e con le tue giornate più corte. Benvenuto con i tuoi rami nudi, con i tuoi rovi spogli coperti solo da bacche rosse. Benvenuto con il tuo inconfondibile profumo di Natale. Il profumo buono e rassicurante di aghi di pino e di resina, di bucce d’arancia e di mandarino essiccate, di cannella e di anice stellato. Il profumo caldo e avvolgente di pigne e di ceppi che ardono nel caminetto, di cioccolata calda fumante nella tazza, di biscotti allo zenzero appena sfornati.
Benvenuto con la tua magia che ci aiuta a sognare e a godere un po’ più delle cose semplici intorno a noi.

Pan Dellorso 3

In Foto: La forma a cupola rappresenta la più comune forma e ricorda molto anche il ben più noto Parrozzo!

Cercando quella magia che spesso vive nelle cose più semplici, oggi voglio dare il benvenuto a Dicembre proponendovi un dolce tipico del natale abruzzese, Il Pan Dell’Orso, e raccontandovi la leggenda magica che da decenni viene raccontata a Scanno, un incantevole borgo incastonato tra l’Abruzzo più selvaggio. Un giorno d’autunno di tanti anni fa, i pastori erano pronti a lasciare Scanno per condurre le greggi in terre più calde. Per affrontare il lungo viaggio ogni pastore riempì la bisaccia di Panelli, un pane dolce a base di mandorle e miele, buono e sostanzioso. Nella notte un grosso orso aggredì lo stazzo e la leggenda narra che divorò soltanto tutti i Panelli. Da allora quel dolce delizioso, venne chiamato Pan Dell’Orso.

La Cottura Tradizionale

Ingredienti
  • 6 uova
  • 150 g di mandorle
  • 90 g di farina di farro
  • 90 g di fecola di patate
  • 160 ml di olio extravergine di oliva (o di burro fuso)
  • 140 g di zucchero di canna
  • 50 g di miele (acacia o millefiori)
  • 20 g di armelline (mandorle amare)
  • 1 arancia non trattata
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • Per la copertura
  • 150 g di cioccolato fondente
  • 40 g di burro
Pan Dellorso 2 Laura Gioia

In Foto: L’attuale ricetta rappresenta una rivisitazione della ben più antica ricetta dei Panelli.

Istruzioni
  1. Tritate le mandorle con le armelline e un cucchiaio di farina presa dal totale.
  2. Montate i tuorli con lo zucchero, versarci le mandorle, la farina, la fecola, il lievito, il miele, l’olio(o il burro sciolto) e la scorza grattugiata dell’arancia.
  3. Montate gli albumi a neve con il pizzico di sale e versateli sul composto cercando di non farlo smontare.
  4. Imburrate e infarinate uno stampo a cupola e cuocete a 180° per 1 ora.
  5. Il giorno dopo preparate la glassa:sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e poi aggiungete il burro, mescolate fin quando non sarà totalmente sciolto.
  6. Coprite il dolce con la glassa al cioccolato.
  7. Ben chiuso in un sacchetto mantiene la sua fragranza per ⅔ settimane.
Note
Dose per uno stampo a cupola di 22 cm di diametro o per 2 da 18 cm (circa 6 porzioni)

Come Assaporarli?

Molto simile nell’aspetto al più conosciuto Parrozzo, differisce da quest’ultimo per l’aggiunta di miele abruzzese e olio (o burro) che rendono più soffice e profumato l’impasto.
Se volete saperne di più vi invito a leggere il mio post su Taste Abruzzo, dove il sapore incontra la natura.

Translate This Page

Cerca Articolo

Collaboriamo Con:

`banner Essenzadivaniglia Blog Discover Abruzzo